COPYRIGHT

Il materiale pubblicato è COPERTO da COPYRIGHT. VIETATA qualsiasi riproduzione intera o parziale senza l'Esplicito consenso da parte dell'Autore e la Citazione dello stesso.

martedì 6 ottobre 2015

Io Sono Importante ... è Importante che si sappia


Tenersi per mano, ti può bastare per una vita intera, un attimo, un incontro.
Credo che rinunciarvi sia folle, sempre e comunque.
La vita non è solo nascita, la vita è un percorso che non finisce mai.
Quando veniamo al mondo, accanto a noi c’è qualcuno che ci sostiene, ci nutre, ci insegna a camminare, correre, saltare, e una volta grandi ripeteremo queste esperienze sia con i nostri figli, ma anche con quelle figure, che ci hanno insegnato a vivere, camminare, correre, saltare… 
La vita è un continuo tendere la mano verso il prossimo, verso chi c’è vicino, sia nel dare sostegno, sia nel riceverlo.

Francesco d’Assisi diceva: Beato l’uomo che sostiene il suo prossimo nelle sue debolezze come vorrebbe essere sostenuto dal medesimo, se fosse in un caso simile.

La vita è un grande “dono”, le persone sono un regalo di qualcuno più “grande di Noi”, che ci Ama, Padre della Vita, figli tra i figli, fratelli tra i fratelli.
Riconoscere anche il valore della “umiltà”, ovvero mettersi a disposizione dell’altro. 
Mani che accolgono, piedi che camminano, insieme da fratelli, aspettando chi si attarda, ogni uno con il proprio passo ma sempre insieme.

Scorgo le foto che ho scattato il 20 settembre 2015 per il 10 anno di attività della Casa di Riposo “La Risaia” e mi viene i mente un passaggio di "Alessandro Baricco – Questa Storia" che dice:
…da grande, avrebbe rivisto quella immagine, proprio quella: la sagoma massiccia del padre che camminava a grandi passi davanti a lui, contro il volo della nebbia mattutina, senza mai voltarsi, né per aspettarlo, né per controllare che ci fosse ancora. In quella severità, e in  quella assenza totale di dubbi, vi era quanto suo padre gli aveva insegnato dell’essere padri: che è saper camminare, senza mai voltarsi. Camminare il passo lungo degli adulti, senza pietà, ma un passo limpido e regolare, perché tuo figlio posso capirlo e starci attaccato, nonostante il suo passo bambino.
E farlo senza mai voltasi, se ne avrai la forza: perché lui sappia che non si perderà, e che camminare insieme è un destino in cui non bisogna mai dubitare, giacchè è scritto nella terra.

I sentimenti sono davvero contrastanti, ma la vita è anche questo.
Con la mia macchina fotografica, mi sposto tra di loro, ma mi accordo d’essere una figura invadente, e allora mi allontano esco da quel quadro, cambio l’obbiettivo, e li spio, si li spio da lontano, e allora diventano più naturali. 
I loro gesti, le loro espressioni, i loro sorrisi.
Giovani, Anziani e anche Bambini, diventano tutt’ uno in quell' ambiente… e in quel momento io vedo la “Vita”… e rifletto…

Ho occasione di parlare con qualche operatore, e sento che nei loro racconti, che c’è passione, la stessa passione che anni fa mi portò su quel cammino.
Tendere la mano verso chi ha bisogno, non è solo un semplice gesto, ma tendere la mano verso chi ha bisogno, è come tendere la mano verso se stessi. 

Offrire aiuto, è un  sentirsi Utili, fa bene allo spirito, ci fa sentire Vivi, un po’ come dirsi: “io esisto”. 
Quando ami qualcuno non puoi lasciarlo indietro.
Mi siedo, nell’erba e li guardo in silenzio, mi rendo conto che i ricordi sono come il vento, che quando soffia è una raffica che preannuncia un temporale di emozioni, e loro sono forti emozioni.

Nel mio percorso nell’assistenza ospedaliera, prima di lasciarla per la nuova strada, non ho mai visto tanta coesione, tra gli operatori, tra i responsabili e gli alti vertici, tutti insieme, uniti, per festeggiare il traguardo più importante di questo sogno divenuto realtà. Nessuno si è risparmiato, tutti insieme, sullo stesso cammino…

Come posso concludere? 
Concludo ringraziandovi per avermi concesso, di partecipare al vostro giorno, di avermi dato la possibilità di toccare, vedere, immortalare attimi speciali… come la vostra felicità…
Non aggiungo altro, lascio alle immagini il compito di raccontare la vostra storia…

Un ringraziamento speciale al Sig. Antonio Musto Presidente della Cooperativa, a Sig.ra Rosy Fontana Coordinatrice della struttura C.R.M. "La Risaia", Sig. Enrica Picchioni Vice Presidente.


Katia Verza  

Una giornata come questa non poteva iniziare con una splendida giornata...




Una strada lunga 10 anni.... un cammino... un traguardo...
e ancora tanta strada da percorrere insieme...




In attesa degli ospiti tutto fuori è pronto e dentro si stanno terminando gli ultimi lavori....




Mentre i primi ospiti arrivano... c'è ancora qualcuno che finisce di sistemare i teloni...












Un giardino fiorito a girandola...
tutti i lavoretti che vedrete sono stati realizzati dalle "Mani degli Ospiti".
Il punto di forza del Centro Diurno è proprio quello di far sentire Importanti i suoi Ospiti, di farli sentire Utili, Vivi... e come dice il
Sig. Carletto: Io sono Importante, è Importante che si sappia...









I quadri con i bottoni sono stati realizzati dagli ospiti, con un piccolo aiuto da parte degli operatori. Quando le Mani lavorano, lavora anche la Mente, e quando la Mente lavora, lo Spirito rimane Vivo...Sempre...







Piccole Civette, piccoli Topini ripieni di lavanda... per profumare i cassetti e gli armadi...
piatti di terra cotta per riempire di caramelle... 




















E mentre gli ospiti iniziano ad arrivare, si finisce di sistemare le ultime cose, per dare via al primo spettacolo....




















































Quanti volti ... uomini e donne, senza fuggire alla vita...
ma prendendovi il proprio posto, creando una comunità e un luogo d'amore,
così da portare una speranza a questo luogo chiamato terra...























Gli ospiti ci sono quasi tutti... e inizia il via alla giornata... ora si canta...































e mentre i grandi cantano, ascoltano, i Bimbi giocano... nel Giardino delle Girandole...







ma per aver delle belle Girandole occorre una avere la Maga delle Girandole,
una fata dai capelli color Argento....



Osservando tutto questo, alzo involontariamente gli occhi al cielo, e mi chiedo cosa ci sia oltre quelle mura, cosa stia accadendo al di fuori, di tutto questo.
Cerco un posto più alto, per vedere di andare oltre... per poter abbracciare tutto... in un colpo solo... e allora salgo....e trovo...















Ma la festa non è solo fuori, la festa è anche dentro alla struttura, e li ci sono i ricordi, di tutti quelli che sono passati, ma che hanno lasciato comunque di loro un ricordo... e il "Ricordo" è comunque una "Grande Eredità di Vita"... senza il Ricordo tutto cessa....























Anche la nostra Televisione Locale non si è lasciata scappare l'evento.








Tutti nella nostra vita, arriva il momento in cui abbiamo bisogno di qualcuno,
di un abbraccio, di un affetto, del calore di una mano nella nostra,
o di una semplice carezza che ci dica "non sei solo"...











































































Pensieri ... Piccoli...
il nostro Futuro che cresce...
Insegnare ai nostri figli a tendere la mano... verso chi ha bisogno..
per non dimenticare i buoni sentimenti...
Piccoli Uomini...
La festa ha inizio....












































































































Il momento della Torta..e foto di gruppo






La "Maglietta" la Risaia... un omaggio per tutti gli operatori...








I Ringraziamenti del Sindaco di Marcignago (PV) per l'eccellente lavoro e servizio
portato alla comunità.








Il Taglio della Torta....



La giornata sta volgendo al termine...ma ancora una cosa...importante deve esser fatta....





Gli auguri di Compleanno per un Ospite... 







Qualcuno si accorge di me... e mi saluta... 



Scambio di opinioni tra due amici... 



Ancora Balli....

Ancora Sorrisi....




Lancio delle Lanterne...



Anche la Luna ringrazia

e il sole saluta...


Nel Silenzio è insito un meraviglioso potere di osservazione, di chiarificazione, di concentrazione sulle cose "Essenziali"

Dietrich Bonhoeffer

Un grazie ancora, per avermi voluto partecipe della vostra festa.
Katia Verza

Foto Autore: Katia Verza
Le immagini sono coperte da COPYRIGHT
VIETATO qualsiasi utilizzo intero o parziale senza l'esplicito consenso da parte dell'Autore e la citazione dello stesso.

Nessun commento:

Posta un commento

SEMPRE DA RICORDARE

Il giorno più bello? Oggi.
L'ostacolo più grande? La paura.
La cosa più facile? Sbagliarsi.
L'errore più grande? Rinunciare.
La radice di tutti i mali? L'egoismo.
La distrazione migliore? Il lavoro.
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.
I migliori professionisti? I bambini.
La felicità più grande? Essere utile agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.
La persona più pericolosa? Quella che mente.
Il sentimento più brutto? Il rancore.
Il regalo più bello? Il perdono.
L'accoglienza migliore? Il sorriso.
La medicina migliore? L'ottimismo.
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.
La forza più grande? La fede.
La cosa più bella al mondo? L'amore.

Madre Teresa