FOTOGRAFANDO ...la VITA by KATIA VERZA

FOTOGRAFANDO ...la VITA by KATIA VERZA

Il materiale pubblicato è COPERTO da COPYRIGHT. VIETATA qualsiasi riproduzione intera o parziale senza l'Esplicito consenso da parte dell'Autore e la Citazione dello stesso.

mercoledì 21 febbraio 2018

GENOVA - GENOVA E ANCORA GENOVA....








La Liguria, forse più di ogni altra regione italiana, ha un’identità schizofrenica, compresa fra un paesaggio litoraneo troppo visibile agli occhi dei viaggiatori che ne hanno sempre apprezzato, sin dai tempi di Petrarca, la sua bellezza pittoresca, da cartolina, ed una Liguria interna, che sfugge all’occhio superficiale dell’osservatore, cocciutamente attaccata a una terra dura e cattiva.
(Massimo Quaini)




Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina.
(Friedrich Nietzsche)







La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada. La vita stessa è un viaggio da fare a piedi.
(Bruce Chatwin)






Qual è la differenza tra “Mi piaci” e “Ti amo”?
Buddha risponde: quando ti piace un fiore, lo prendi. Quando ami un fiore lo innaffi tutto il giorno.
Chi comprende questo, capisce la vita.
(Buddha)














Il tempo è un gioco, giocato splendidamente dai bambini.
(Eraclito)






Il vero miracolo non è volare in aria o camminare sulle acque, ma camminare sulla terra.
(Li Lin Chi)





Quando si fotografano persone a colori, si fotografano i loro vestiti. Ma quando si fotografano persone in bianco e nero, si fotografano le loro anime!
(Ted Grant)










Una bella fotografia racconta una storia, rivela un luogo, un evento, uno stato d’animo, è più potente di pagine e pagine scritte.
(Isabel Allende)







Una nave in darsena, circondata dalle banchine e dai muri, ha l’apparenza di una prigioniera che medita sulla libertà, con la tristezza di uno spirito libero, messo a freno.
(Joseph Conrad)




Foto Autore: Katia Verza
Le immagini sono COPERTE da COPYRIGHT
VIETATA QUALSIASI RIPRODUZIONE INTERA O PARZIALE senza l'ESPLICITO CONSENSO dell'Autore e la citazione dello stesso

mercoledì 20 dicembre 2017

PASSEGGIANDO PER GENOVA



Splendida città che ti specchi nelle acque azzurre del Mediterraneo. Le rocce e i promontori, il cielo luminoso e gli allegri tuoi vigneti erano il mio mondo…

(Mary Shelley)






Genova per me è come una madre. È dove ho imparato a vivere. Mi ha partorito e allevato fino al compimento del trentacinquesimo anno di età: e non è poco, anzi, forse è quasi tutto. Oggi a me pare che Genova abbia la faccia di tutti i poveri diavoli che ho conosciuto nei suoi carruggi, gli esclusi che avrei poi ritrovato in Sardegna, le graziose di via del Campo. I fiori che sbocciano dal letame
(Fabrizio De Andrè)







I genovesi è difficile osservarli: vi guizzano di continuo davanti agli occhi, corrono, si affacendano, scorazzano di qui e di là, si affrettano. I vicoli verso il mare brulicano di gente, ma quelli che stanno fermi non sono genovesi, sono marinai di tutti i mari e di tutti gli oceani .
( Aleksandr Herzen)






Genova mia città intera.
Geranio. Polveriera.
Genova di ferro e aria,
mia lavagna, arenaria.
Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria scale.
(Giorgio Caproni)









O Genova! o Genova! Chi può mai descrivere i tuoi palazzi di via Balbi, della Nunziata, della Nuova o della Nuovissima, e le casette a otto piani nelle strettucce che sembrano scolatoi al mare? Chi ti dirà il nobile effluvio dei cedri e il plebeo fetore del baccalà; la splendida pace dei pensili orti e l’arrabattarsi lucroso nel porto: la vita opulentemente stanca nelle sale d’ozio e la insaziabile voluttà della marmaglia saettata dal sole: la bianca melanconia degli atri, degli scaloni, delle corti solitarie e l’immensa gazzarra delle mille navi?
(Ambrogio Bazzero)







Ai Liguri, aspri figli dei monti, insegnò la stessa terra che nulla
si ottiene se non con tenacia e fatica.
(Cicerone)








Una montagna non incontra una montagna, ma un uomo incontra un uomo.
(Proverbio Persiano)






Roma la santa, Bologna la dotta, Genova la superba, Firenze la bella, Venezia la ricca.
(Proverbio francese)









Ogni uomo è il re della sua barba.
(Proverbio Persiano)

















Che dire? Genova è Genova.
Occorre perdersi tra i suoi vicoli, i suoi profumi, tra la sua gente, i suoi panorami, i suoi scorci, il suo mare, per poterla vivere, assorbire, e non basterebbe ancora, perchè ogni volta ti regala una nuova emozione.
Katia Verza



















L’abilità nautica di Genova è tenuta in tale reputazione e stima in tutto il mondo che i genovesi sono detti signori del mare.
(Descrizione di Genova, Cronache del Regno di Luigi XII di Francia, 1502, Jean d’Auton)






Foto Autore: Katia Verza
Le immagini sono Coperte da Copyright
Vietato qualsiasi pubblicazione intera o parziale senza l'esplicito consenso e citazione da parte dell'Autore stesso. 

SEMPRE DA RICORDARE

Il giorno più bello? Oggi.
L'ostacolo più grande? La paura.
La cosa più facile? Sbagliarsi.
L'errore più grande? Rinunciare.
La radice di tutti i mali? L'egoismo.
La distrazione migliore? Il lavoro.
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.
I migliori professionisti? I bambini.
La felicità più grande? Essere utile agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.
La persona più pericolosa? Quella che mente.
Il sentimento più brutto? Il rancore.
Il regalo più bello? Il perdono.
L'accoglienza migliore? Il sorriso.
La medicina migliore? L'ottimismo.
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.
La forza più grande? La fede.
La cosa più bella al mondo? L'amore.

Madre Teresa