COPYRIGHT

Il materiale pubblicato è COPERTO da COPYRIGHT. VIETATA qualsiasi riproduzione intera o parziale senza l'Esplicito consenso da parte dell'Autore e la Citazione dello stesso.

domenica 5 dicembre 2010

PAVIA PULITA, CAMPAGNA SPORCA ....

INCIVILTA', IGNORANZA, MANCANZA DI RISPETTO.... NON SAPREI COME CHIAMARLA...
DI CHI E' LA COLPA DI TUTTI...


LA PICCOLA DISCARICA ABUSIVA E' SITA IN VIA CASSININO E A POCHE CENTINAIA DI METRI LE CAMPAGNE DI PAVIA ....

















Mi domando cosa ci facciano quelle campane della raccolta differenziata in mezzo a quei rifiuti... anche loro sembrano oggetti abbandonati...

La cosa triste, è che quando vengono gli operatori a svuotare l'unico cassonetto si limitano a svuotare solo quello, e non raccolgono niente altro; la loro motivazione è che hanno paura dei topi, che con tutto quel rudo hanno trovato un grosso mezzo di sostentamento...

Il problema che questi figuri incivili, non si limitano solo a scaricare la comune spazzatura, ma abbandonano qualsiasi cosa, dalla batteria dell'auto al frigorifero... residui di olio delle macchine a chi ne ha più ne metta...

Il bello che questa graziosa discarica abusiva, dista pochi km dal centro di racconta dei rifiuti di Pavia, luogo dove si può avere accesso tranquillamente, mostrando un documento di identità prima dello scarico dei rifiuti..totalmente GRATUITA ma come sempre costa molto meno fatica abbandonare la "MERDA" (scusate l'espressione scurrile) in casa degli altri...

La colpa di chi è... dell'Utente..che non segnala,
dell'Utente che sporca,
dell' Unità competente alla raccolta dei rifiuti che se ne frega e ogni tanto per dare il contentino ai residenti manda il camion con il ragno a raccogliere l'abbondanza dello scarto,
dell'Comune che non fa nulla, nonostate le rilevazioni fatti dal corpo dei Vigili Urbani...
insomma, si pagano le tasse dei rifiuti per aver pulito, e ci si ritrova sporchi...
come dire:
Uno scarica barile continuo....

E' un vero peccato perchè la campagna di Pavia, offre a chi la ama colori e paesaggi stupendi in tutte le stagioni...
Inoltre tutto questo è una grande mancanza di rispetto nei confronti di chi vive delle campagna, di chi la lavora... di chi in qualche modo provvede a noi.. con la cultura del riso, del gran turco, del mais... di chi ci da mangiare...
Credo che questo menefreghismo sarà presto la nostra rovina, e pensare che basterebbe poco, per vivere bene... tutti....


QUESTE IMMAGINI OFFRONO I COLORI DELLA CAMPAGNA DI PAVIA...
VESTITA DI COLORI DIVERSI A SECONDA DELLA STAGIONE...
RIFLETTIAMO... PRIMA DI SPORCARLA O INQUINARLA ESSA APPARTIENE A NOI....




































Autore Testo e Immagini: Katia Verza

Le immagini sono coperte da COPYRIGHT.

VIETATO l'utilizzo senza il consenso dell'Autore e la citazione dello stesso.

1 commento:

  1. Hai perfettamente ragione! Il problema della spazzatura è davvero serio e gravissimo. Anche qui da me in Sicilia, riscontro la stessa situazione (e la cosa più brutta è che c'è l'ho proprio sotto casa!), e credo che la colpa non sia di una o di un gruppo di persone, ma di tutta la comunità (me compresa) in generale... dalla provincia fino all'incivile passante che non ha rispetto del proprio territorio! Comunque tralasciando per un attimo questo problema, ti faccio i complimenti per le bellissime foto. :)
    Ciao

    RispondiElimina

SEMPRE DA RICORDARE

Il giorno più bello? Oggi.
L'ostacolo più grande? La paura.
La cosa più facile? Sbagliarsi.
L'errore più grande? Rinunciare.
La radice di tutti i mali? L'egoismo.
La distrazione migliore? Il lavoro.
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.
I migliori professionisti? I bambini.
La felicità più grande? Essere utile agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.
La persona più pericolosa? Quella che mente.
Il sentimento più brutto? Il rancore.
Il regalo più bello? Il perdono.
L'accoglienza migliore? Il sorriso.
La medicina migliore? L'ottimismo.
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.
La forza più grande? La fede.
La cosa più bella al mondo? L'amore.

Madre Teresa